Cosa sta facendo l’UE per la guerra in Ucraina?

Moltissime le informazioni che riceviamo in questi giorni sulla guerra in Ucraina. Proviamo a riassumere come è impegnata l'UE nell'emergenza.

Assistenza Umanitaria

Il 2 marzo la Commissione ha proposto di attivare il meccanismo di protezione temporanea. Il Consiglio del 4 marzo ha adottato la misura all'unanimità con un periodo iniziale di un anno.

I cittadini ucraini e le persone che hanno fatto dell'Ucraina la loro casa, così come i loro familiari sfollati dal conflitto, avranno diritto alla protezione in tutta l'UE. I cittadini non ucraini e gli apolidi che risiedono legalmente in Ucraina e che non possono tornare nel loro paese o regione d'origine, come i richiedenti asilo o i beneficiari di protezione internazionale e i loro familiari, avranno anche diritto alla protezione nell'UE.

La protezione temporanea comprende:

  • Diritti di residenza
  • Accesso al mercato del lavoro secondo le politiche del mercato del lavoro degli stati membri
  • Accesso all’alloggio
  • Assistenza dai sistemi di welfare degli stati membri
  • Assistenza medica o di altro tipo
  • I bambini e gli adolescenti non accompagnati hanno diritto alla tutela legale e all'accesso all'istruzione

Le guardie di frontiera possono autorizzare i cittadini extracomunitari a entrare nel territorio di uno Stato membro per motivi umanitari, anche se non soddisfano tutte le condizioni di ingresso - per esempio, anche se non hanno con sé un passaporto valido.

Principali Misure dell’UE nei confronti della Russia

  • Chiusura dello spazio aereo dell'UE per aerei provenienti dalla Russia, operato da vettori russi, immatricolato in Russia o posseduti da una persona fisica o giuridica russa
  • Disconnessione di un numero rilevante di banche Russe dal sistema SWIFT
  • Congelamento delle riserve in valuta estera della Banca Centrale russa che si trovano in Europa e all’estero
  • Vengono bandite nell’UE le emittenti finanziate dallo stato russo di Russia Today e Sputnik.
  • Sanzioni ulteriori al Regime di Lukashenko

EU Sanctions Whistleblower Tool - Strumento di denuncia della violazione di Sanzioni UE

La condivisione di informazioni sulle violazioni delle sanzioni UE può contribuire al successo delle indagini in corso negli Stati membri dell'UE e aumentare l'efficacia delle sanzioni UE.

Se siete a conoscenza di possibili violazioni di qualsiasi sanzione UE, potete portare questo all'attenzione della Commissione fornendo volontariamente informazioni. Queste informazioni possono riguardare, per esempio, fatti riguardanti le violazioni delle sanzioni, le loro circostanze e gli individui, le aziende e i paesi terzi coinvolti. Questi possono essere fatti che non sono di dominio pubblico ma che sono noti a voi e possono riguardare violazioni di sanzioni passate, in corso o pianificate, così come i tentativi di aggirare le sanzioni UE.
Ci sono due modi per segnalare le violazioni delle sanzioni:

  • Contattandoci direttamente: potete aiutarci meglio se vi fate avanti e fornite il vostro nome e i vostri dati di contatto, poiché questo darà più credibilità alla vostra dichiarazione e renderà più probabile che siamo in grado di prendere provvedimenti. Per segnalare violazioni di sanzioni in questo modo puoi semplicemente inviare un'email a relex-sanctions@ec.europa.eu
  • Rimanendo anonimo: se non vuoi rivelare la tua identità puoi inviarci un messaggio anonimo attraverso lo strumento di denuncia delle sanzioni UE, che è una piattaforma online altamente sicura. La Commissione europea, che gestisce lo strumento, è pienamente impegnata a proteggere il tuo anonimato.

Per accedere allo strumento, imparare come il tuo anonimato è protetto, e segnalare una violazione delle sanzioni, per favore copia incolla o riscrivi manualmente il seguente URL per motivi di sicurezza: https://EUsanctions.integrityline.com nel tuo browser.

Misure di assistenza diretta all’Ucraina

La Commissione coordina l’invio di materiali di assistenza attraverso l’EU Civil Protection Mechanism
La Commissione il 28 febbraio 2022 ha annunciato altri 90 milioni di euro per programmi di aiuto d'emergenza per aiutare i civili colpiti dalla guerra. Il finanziamento fornirà alle persone in Ucraina e Moldova cibo, acqua e riparo e aiuterà a coprire i loro bisogni di base.
Per la prima volta nella sua storia l'UE sta usando il bilancio europeo - 500 milioni di euro dal Fondo Europeo per la Pace - per acquistare e consegnare armi a un paese che è sotto attacco.
Von der Leyen "Come primo lotto, abbineremo a questo almeno 500 milioni di euro dal bilancio dell'UE per affrontare le conseguenze umanitarie di questa tragica guerra, sia nel paese che per i rifugiati", ha annunciato.

European Peace Facility (EPF) - Strumento europeo per la pace

L'European Peace Facility è stato adottato tramite la decisione 2021/509 del Consiglio e prevede il finanziamento di azioni operative nell’ambito della PESC (Politica Europea di Sicurezza e Cooperazione).

L’EPF comprende due pilastri di finanziamento:

  • Pilastro operazioni finanzia i costi comuni per missioni e operazioni nell’ambito della politica di sicurezza e di difesa comune (PSDC) 
  • Pilastro Misure di Assistenza Finanzia l’azione dell’Unione a favore di paesi terzi e di organizzazioni 

L’EPF dispone di un massimale finanziario di 5.692 milioni di Euro per il periodo 2021-2027. Il Consiglio ha adottato il 28 febbraio 2022, a titolo dell’EPF, l’invio di attrezzature e forniture, comprese attrezzature letali, alle forze armate ucraine per un valore di 500 milioni di euro. I contributi saranno determinati sulla base di un criterio di ripartizione fondato sul reddito nazionale lordo (RNL).

L'EPF opera sotto l'autorità e la direzione di un comitato dello strumento, composto da rappresentanti di ciascuno Stato membro dell'UE e presieduto da un rappresentante della presidenza del Consiglio.

Sono 7 le operazioni militari attive dell’UE che beneficiano attualmente dei finanziamenti dell’EPF. Un'ampia percentuale dei costi associati alle operazioni militari nell'ambito della politica di sicurezza e di difesa comune (PSDC) dovrebbe essere sostenuta dagli Stati membri dell'UE (e dai paesi terzi) che partecipano a un'operazione.

Ulteriori azioni messe in atto dall’Unione

Altre due azioni sull'aiuto ai rifugiati ucraini: la Commissione propone di prolungare il periodo di attuazione dei fondi a disposizione degli Stati membri nell'ambito dei fondi per gli affari interni 2014-2020, il che libererebbe circa 420 milioni di euro di sostegno supplementare. Inoltre pubblicherà sul sito web Europa informazioni per aiutare i cittadini e il settore privato a garantire che il loro sostegno a coloro che fuggono dalla guerra possa arrivare attraverso organizzazioni fidate e corrispondere alle esigenze.

La Commissione sta mobilitando le politiche regionali e di coesione nell'ambito della proposta legislativa "Azione di coesione per i rifugiati in Europa" (CARE). Questo porterà una flessibilità aggiuntiva per finanziare una vasta gamma di misure a sostegno delle persone in fuga dall'Ucraina, dal Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), dal Fondo sociale europeo (FSE) e dal Fondo per gli aiuti europei agli indigenti (FEAD).

Questi fondi di coesione possono essere spesi per investimenti in istruzione, occupazione, alloggi, servizi sanitari e di assistenza all'infanzia, e nel caso del FEAD, per l'assistenza materiale di base come cibo e vestiti. Per sostenere ulteriormente gli Stati membri, l'eccezionale tasso di cofinanziamento del 100% applicato in risposta alla pandemia sarà esteso di un anno.

Inoltre, circa 10 miliardi di euro dai fondi 2022 per l'assistenza alla ripresa per la coesione e i territori dell'Europa ("REACT-EU") sono prontamente disponibili e possono essere utilizzati anche per finanziare azioni a sostegno di chi fugge dall'Ucraina.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato
Scroll to top of the page