Tassonomia dell'UE: classificazione attività economiche ecosostenibili

Il Parlamento europeo ha votato sì all’inclusione di attività dei settori del gas e del nucleare nella tassonomia

Nella seduta del 6 luglio il Parlamento ha respinto una mozione contro l'inclusione del gas e del nucleare tra le attività economiche eco-sostenibili, consentendo all’atto delegato sulla tassonomia della Commissione di continuare il suo iter. 
Cerchiamo quindi di spiegare che cosa è la tassonomia UE e perché ne abbiamo bisogno.

La tassonomia dell'UE è un sistema di classificazione che stabilisce un elenco di attività economiche ecosostenibili e l'atto delegato della Commissione include specifiche attività energetiche dei settori del gas e del nucleare nell'elenco di attività economiche eco-sostenibili.
Questo potrebbe svolgere un ruolo importante nell'aiutare l'UE ad aumentare gli investimenti sostenibili e ad attuare il Green Deal
europeo che mira a far diventare l’Europa il primo continente ad impatto climatico zero.

Per attuare progetti e attività sostenibili si deve avere chiara la definizione di ciò che è sostenibile dal punto di vista ambientale.

La Commissione ritiene infatti che gli investimenti privati possano avere un ruolo importante nelle attività di transizione verde dei settori del gas e del nucleare verso la decarbonizzazione.
Ha proposto quindi di classificare alcune attività energetiche collegate al gas fossile e all'energia nucleare come attività di transizione che contribuiscono alla mitigazione dei cambiamenti climatici e questa inclusione è comunque limitata nel tempo e sottoposta a specifici requisiti di trasparenza.
In questo modo si dovrebbe creare sicurezza per gli investitori privati, indirizzando gli investimenti verso progetti e attività sostenibili e proteggendo gli stessi investitori da quelle attività che sembrano sostenibili ma non lo sono, il cd greenwashing, l’ambientalismo di facciata.

Con il voto positivo del Parlamento l'atto delegato complementare continua il suo percorso di controllo e se anche il Consiglio non solleva obiezioni, entro l’11 luglio 2022, l'atto delegato sulla tassonomia entrerà in vigore e si applicherà a partire dal 1° gennaio 2023.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa della Commissione europea.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato
Scroll to top of the page